Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for agosto 2013

Lonely

Sento una critica sottile, di sottofondo, nelle opinioni e nel ciarlare di chi gira intorno alla mia vita e non si rende conto di quanto siano presenti e potenti le assenze, nella mia esistenza.

Giuro che non sto tentando di costruire fantasmi soltanto per trovare delle scuse, giustificazioni alla mia insensata incapacità di inventarmi conoscenze nuove.

E’ soltanto e terribilmente colpa del fatto che soffoco nel marasma di assenza che ho costruito intorno a me.

Non rimpiango le scelte fatte, non è nella mia natura e anche quando mi chiudo nell’introspezione non è al rimpianto che arrivo solitamente, bensì alla mia tacita e cronica incapacità di “prolungare il bello”, stritolandolo per non perderne memoria e dipanandone il filo tra i giorni ed i mesi affinchè decada il più tardi possibile.

Cosa posso fare, però, se le persone che amo mi mettono di fronte a scelte che ci separano, irrimediabilmente?

Faccio il primo passo anche quando dovrei aspettare la controparte, tento di spiegarmi e farmi spiegare ragioni, sfumatura, declinazioni delle umane sensazioni, ma se di fondo si instaurano fratture che chances reali ho di recuperare, riparare?

I nostri cuori non sono vasi di porcellana.

I nostri cuori affogano irrimediabilmente, natanti modesti e mediocri, ma con essi non riescono ad affogare le mie memorie di voi.

Non riesco a scorrere i capitoli della mia vita perchè gli ultimi che ho vissuto sono troppo attraenti, finisco col rileggerli, col lasciarmi andare nuovamente in mezzo a prati che conosco, erba che sa di profumi respirati tra le mie dita e sotto la mia stretta, capelli fluorescenti d’eccitazione, timidezza di sorrisi accennati, forzati, interminabili.

Non so neanche ipotizzare se rivorrei ciò che ho avuto, o vorrei non averlo mai avuto.

E’ proprio questo che mi terrorizza.

L’ansia di aver perso qualcosa di irrecuperabile mi porrebbe, almeno, in una prospettiva di baratro dalla quale uscire, mentre questo limbo di non-rimpianto dolorosamente privo di speranze e proiezioni future mi lascia, semplicemente, solo, triste, nero.

 

 

Soundtrack : Mogwai, “I Love you i’m going to blow up your school”

Read Full Post »

Benvenuto a casa

Ogni bocca che hai baciato
era solo pratica
tutti i corpi che hai spogliato
e affondato dentro
ti stavano preparando a me.
Non mi dispiace assaggiare loro nella
memoria della tua bocca
erano un lungo corridoio
una porta mezza aperta
una singola valigia ancora
sopra il nastro trasportatore.
E’ stato un lungo viaggio?
Ti ci è voluto tanto tempo per trovarmi?
Sei qui adesso, benvenuto a casa.

–   Warsan Shire

Read Full Post »