Feeds:
Articoli
Commenti

Archive for settembre 2014

E’ nei momenti di serenità…

…che ti penso, che mi manchi, che ti detesto, che ti vorrei.

Annunci

Read Full Post »

Volevo sapessi che spesso ti penso spesso
che è anche un bel titolo
per la mia prossima poesia
cioè questa
il cui titolo è:
“Volevo sapessi che spesso ti penso spesso”
e parla di te
che sai che sei tu
dovresti saperlo
che sei tutt’altro che stupida
che sai un sacco di cose
sei un sacco di cose
ma non certo stupida.
Se non capisci che sei tu
allora sei stupida
dunque non sei tu.
Dirai: cosa mi pensi?
ti penso che mi fai
cosa ti faccio mai?
un sacco
un sacco di cosa?
un sacco di cose
che tipo di cose?
tipo che eri una dei pochi esseri umani viventi.
A fare che cosa per l’amordiddio? chiederai
dio qui c’entra una sega
dunque?
a farmi ridere, ed eri pure femmina
ero? dirai
sei.
Volevo sapessi che spesso ti penso spesso
e pensandoti spesso
mi chiedo:
che cos’ è accaduto
quando è accaduto
ciò che è accaduto tra noi?
perché non stiamo correndo?
a piedi nudi nel parco?
mano nella mano?
con due bei sorrisi
stampati a fuoco
sui nostri bei visi
verso un futuro radioso?
Succede, sai
ma lo sai
che tu le cose le sai
che il futuro radioso
deraglia
come un treno merci
in un centro abitato
e schianta tutto ciò che si trova davanti
uomini, case, cani, alberi, bambini
portalettere, ponti, auto in divieto di sosta
io.
Detto questo
volevo solo sapessi che spesso ti penso spesso
e che hai il più bel paio di gambe della zona.
Guido Catalano.

Read Full Post »

Profili Facebookiani

Se potessi esprimere quanto mi fa piacere vederti bella, brillante, e sorridente in foto, beh, vorrei esprimerlo abbracciandoti.

Read Full Post »

Immagini

Mi dilania il pensiero che non ho una foto, un’immagine per imprimere per sempre in me la levità dei momenti assieme.

Read Full Post »

Ricorrenze

“quel libro è l’ultimo che hai comprato?”

“quale?”

“Norvegian wood”

“no, non l’ho comprato”

“ah non l’hai comprato?”

“no me l’hanno regalato”

“e perchè te l’hanno regalato? c’era una ricorrenza?”

“sì, il compleanno”

“ammappa, sta là dal tuo compleanno…E chi te l’ha regalato?”

” … e chi me l’ha regalato…”

“ma è in lingua?”

“no, è in italiano”

“legno norvegese. Ma lo hai letto?”

“No.”

“fa schifo?”

“no, cioè, non credo proprio che faccia schifo”

“AH.”

MORTACCI DE MI MADRE

Read Full Post »

Birthday

…i compleanni aprono voragini

Read Full Post »

SenzaParole

Non ho mai imparato le parole dell’assenza.

Mi manchi in ogni decisione, dentro ogni momento di difficoltà, ogni volta che metto piede in un parco e ogniqualvolta sono felice.

Mi convincono che non saresti andata bene, che fossi indecisa e ti sentissi quasi in dovere di innamorarti di me, senza riuscirci.
A me interesserà sempre e solo l’immenso sapore di bontà che mi lasciavi addosso, ogni volta e ogni volta ancora.

Read Full Post »

Older Posts »